Rapporto Censis sulla situazione sociale

Da admin | depositato in Attualità

Il 50° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese nel 2016 fotografa un momento caratterizzato da sfiducia nel futuro in particolare per i giovani; infatti, descrive un paese che non è cresciuto e dove, spesso, le nuove generazioni si trovano in una situazione più difficile, dal punto di vista lavorativo ed economico, dei genitori e dei nonni.  Per esempio, il reddito dei giovani oggi è del 26,5% più basso di quello che avevano i loro coetanei venticinque anni fa.

Tra i vari punti trattati dal Rapporto anche alcuni dati sulla comunicazione digitale i quali indicano che nonostante  tra il 2007 e il 2015 i consumi complessivi delle famiglie si sono ridotti del 5,7% in termini reali,  nello stesso periodo si è registrato un incremento della spesa per acquistare computer (+41,4%) e smartphone (+191,6%). Nel 2016 in Italia gli utenti di internet sono diventati  il 73,7%  della popolazione e il 95,9% dei giovani under 30.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Vietare l’alzata di mano?

Da admin | depositato in Attualità

La timidezza può costituire un ostacolo per gli studenti, si sa.

Per far fronte alla difficoltà degli allievi più timidi che difficilmente alzano la mano per rispondere o fare domande il preside del liceo inglese Samworth Church Academy School di Mansfield, Barry Found ha vietato ai ragazzi di farlo e ha spiegato ai genitori che «le mani che si alzano sono sempre le stesse». Di altro parere Raffaele Mantegazza, pedagogo e professore all’università della Bicocca di Milano per il quale  «alzare la mano è un modo per imparare a rispettare le regole».

E in effetti come decrive bene l’articolo del ‘Corriere della Sera’, “È giusto che gli alunni alzino la mano?” ci sono gli studenti sempre pronti a rispondere e altri che sono restii a farlo, o alzano la mano e la abbassano subito. Questo modo di comportarsi non dipende solo dalla preparazione ma anche da quanto si sente di potersi fare avanti.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

La sicurezza…dei papà

Da admin | depositato in Sviluppo emotivo

Gli studi effettuati per esaminare lo sviluppo del bambino confermano l’importanza della relazione con le figure di riferimento (per John Bowlby di attaccamento) per una crescita serena e armonica del bambino.

Il quotidiano ‘La Repubblica’ nell’articolo “La rivincita dei papà, figli equilibrati se sono presenti“riporta i dati di una ricerca condotta dall’Università  di Oxford che ha preso in esame specificamente il ruolo dei padri, mettendo in evidenza l’importanza di questa relazione per lo sviluppo emotivo; quando i papà sono contenti della  paternità e riescono ad organizzarsi in funzione al ruolo genitoriale i figli si sentono più protetti.

Gaia De Campora, docente di Psicologia perinatale all’università di Torino  spiega che “Lo studio evidenzia in particolare come sia la disponibilità e la fiducia da parte del padre nell’assumere questo nuovo ruolo e svolgere questa nuova funzione a esercitare un’influenza positiva sul bambino ed è ipotizzabile che la capacità empatica sia sottesa a questo atteggiamento, mediando l’effetto dei risultati osservati.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Istat: cala ancora la natalità

Da admin | depositato in Attualità

L’Istat oggi ha pubblicato il Report ‘Natalità e fecondità della popolazione residente’ che conferma la progressiva riduzione delle nascite. Nel 2015 sono stati registrati all’anagrafe quasi 17.000 bambini in meno rispetto al 2014.

Il calo è dovuto principalmente alle coppie con entrambi i genitori italiani, con una dimunuzione della natalità di oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni. Secondo il report la riduzione delle nascite è legata alla presenza sempre meno numerosa di donne italiane in età riproduttiva e ad una minore propensione ad avere figli.

Calo delle nascite anche per le coppie con entrambi i genitori stranieri,  che nel 2015 sono quasi 3.000 in meno rispetto al 2014.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Troppi social e troppo presto

Da admin | depositato in Attualità

L’