L’agenzia di stampa AdnKronos riporta la notizia ‘In Italia nascono pochi bimbi, tasso di natalità più basso dell’Ueda cui risulta che appunto l’Italia sarebbe il paese con il più basso tassa di natalità dell’Unione Europea.  Infatti  secondo i dati dell’ufficio statistico dell’Unione Europea Eurostat  durante il 2015 si è registrato un calo generale delle nascite dove l’Italia ha il valore più basso (8 per 1000 abitanti) seguita da Portogallo e Grecia.

Il tasso di natalità più alto del 2015 è invece si trova in Irlanda (14,2 per 1000), seguita dalla Francia (12%), Regno Unito (11,9%) e Svezia (11,7%).

I Paesi con un tasso più alto di popolazione sono la Germania (82,2 milioni di abitanti), la Francia (66,7 milioni), il Regno Unito (65,3) e l’Italia (60,7). Questi Stati, insieme, ospitano oltre la metà della popolazione dell’Ue. In particolare, la Germania il 16,1% della popolazione totale dell’Ue, segue la Francia con il13,1%, il Regno Unito con il 12,8%, l’Italia  con 11,9% , la Spagna con il9,1%  e la Polonia (7,4%).

Sii il primo a commentare
    

Ricerca stili di vita di bambini e ragazzi

Da admin | depositato in Attualità

L’IPSOS per conto di Save the Children ha condotto la ricerca “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi”  nell’ambito del progetto “Pronti, Partenza, Via!”, per la pratica motoria e l’educazione alimentare di bambini e adolescenti, promosso da Save the Children e Mondelēz International Foundation, in collaborazione con Centro Sportivo Italiano (CSI) e Unione Italiana Sport Per tutti (UISP).

Di seguto alcuni dati emersi dalla ricerca. Il 12% dei bambini e ragazzi pranza abitualmente a casa.  A cena la percentuale sale all’84 % dei  giovani che stanno in famiglia ma nel 38% dei casi con la TV accesa. Da quanto riferiscono i ragazzi per il 52% dei genitori va bene così mentre il 41% borbotta ma si rassegna mentre il  7% guarda la tv a pranzo o cena quando i genitori non sono presenti.

Il tempo libero in famiglia viene trasccorso principalmente facendo passeggiate, 52%. Ma da quanto riferiscono i genitori  più di 6 ragazzi su 10 trascorrono il proprio tempo libero in casa propria o di amici; molto spesso perché gli adulti non hanno tempo di accompagnarli o di seguirli nelle attività esterne.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Adolescenti, social e amore

Da admin | depositato in Attualità

Sull’Agenzia Ansa l’articolo ‘Adolescenti troppo sui social, a rischio rapporti coppia futuri‘ che parla di uno studio della University of  North Carolina a Chapel Hill e della North Carolina State University e pubblicato sulla rivista Journal of Research on Adolescence da cui risulterebbe che un uso intenso dei social come Chat, tweet, Instagram da parte degli adolescenti può rendere più difficile, in particolare per i ragazzi, stabilire una relazione d’amore da adulti. La difficoltà sarebbe dovuta a un carente sviluppo di alcune competenze come la gestione dei conflitti e la capacità di far valere i propri bisogni, entrambe competezne che sarebbero più legate a un contatto diretto.

Sono stati esaminati 487 adolescenti (età media 14 anni) indagando la frequenza di comunicazione giornaliere con il partner sia attraverso i contatti più tradizionali (di persona o al telefono) sia tramite la tecnologia (messaggi, interazioni sui social network). Inoltre è stata valutata la competenza degli aspetti relazionali che erano stati individuati come importanti ai fini delle relazioni amorose a anche la capacità di tenere conto de punto di vista dell’altra persona.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

‘Educazione’ all’alimentazione

Da admin | depositato in Attualità

Il Corriere della Sera – Salute dedica l’articolo ‘Come aiutare i figli ad avere un rapporto sano ed equilibrato con il cibo?di Anna Ogliari al tema dell’alimentazione.

Negli ultimi anni è stato posto un crescente interesse verso il tema della nutrizione e quindi occorre fare un’adeguata educazione perché i ragazzi mangino in modo equilibrato e diversificato così da avere un apporto nutritivo completo.

Inoltre occorre capire quando alcuni comportamenti alimentari devono preoccupare perchè sempre più spesso vengono richiesti consulti già in età pediatrica.

L’artiolo fa quindi dei cenni circa le caratteristiche di un alimentazione diversificata. Mette in evidenza come quando si sceglie cosa mangiare va fatto non solo con la gola ma anche con la testa. A questo proposito i genitori dovrebbero imparare a contenere le richieste eccessivo di cibo e magari offrire delle alternative. Inoltre l’articolo viene posta l’attenzione sul ruolo dei genitori non solo nell’apprendimento di una corretta alimentazione ma anche nella prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare che possono presentare diversi fattori di rischio come predisposizione genetica, familiarità, ambiente socio-culturale e idee ‘disfunzionali’ relative al cibo e all’aspetto corporeo.

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Secondo lo studio condotto dalla Confcommercio ‘Dalla Grande Recessione alla ripresa? Segnali positivi, ma fragili‘ tra il 2008 e il 2014  il numero di famiglie in condizione di poverà assoluta è raddoppiato.

Gli individui in condizione di povertà assoluta hanno superato nel 2014 i 4 milioni, con un incremento di quasi il 130% rispetto al 2007; il dato rappresenta quasi il 7% della popolazione.

Inoltre il reddito disponibile delle famiglie, misurato in termini di potere d’acquisto ai prezzi del 2015, si è ridotto negli ultimi sette anni di oltre il 10%.

“È come se le famiglie italiane – commenta l’Ufficio Studi Confcommercio – avessero spostato indietro di un ventennio l’orologio del proprio tenore di vita”.

Rapporto Ufficio Studi Concommercio, Dalla Grande Recessione alla ripresa? Segnali positivi, ma fragili

Sii il primo a commentare
    

Finita la scuola si apre il dibbattito sul modo di roganizzare le giornate di bimbi e ragazzi. Il corriere della Sera dedica all’argomento l’articolo  Aiuto, la scuola è finita! L’incubo dei corsi estivi: che fine ha fatto la noia?che riporta il parere di alcuni pedagogisti.

Daniele Novara spiega come la condizione infantile sia molto cambiata rispetto a 30 anni fa e oggi si caratterizza per una maggiore artificiosità, Non cè più l’imparere ad andare in bicicletta nel cortile, magari guardando gli altri ragazzini, ma piuttosto corsi e attività che non lasciano la possibilità di organizzarsi :«Ai bambini piace fare una cosa sola al giorno, non mille. E magari ripetere lo stesso gioco più e più volte perché attraverso quella ritualità diventano sempre più competenti e acquisiscono sicurezza».

Pagine: 1 2

Sii il primo a commentare
    

Capsule di detersivo scambiate per caramelle

Da admin | depositato in Attualità